CHENONCEAU, il castello delle dame

Château de la Loire situato in Touraine, Chenonceau, con la sua famosa galleria a due piani che si affaccia sullo Cher, è uno dei gioielli dell'architettura della Valle della Loira.

Costruito, attrezzato e trasformato da diverse personalità femminili, è soprannominato il castello delle signore. Appartenente alla famiglia Menier dal 1913, il castello e il parco sono classificati come monumenti storici.

la sua storia

Il primo castello costruito a Chenonceau risale a XIIIe secolo, nonché un mulino fortificato dal 1230, nelle mani della famiglia Marques. Il ponte non esiste ancora. Il castello è utilizzato per gestire il traffico fluviale sul Cher. Durante la Guerra dei Cent'anni, il castello fu incendiato e raso al suolo.

Nel 1432 il castello fu ricostruito in un altro luogo. Sulle rive del Cher, circondato su tre lati da fossati, aveva poi quattro torri rotonde. Di questo castello feudale rimane oggi solo la torre sud-ovest o "Tour des Marques".

Thomas bohier, segretario e ciambellano di Carlo VIII prende possesso del feudo il 10 febbraio 1512. Lui e sua moglie realizzeranno importanti lavori dal 1513 al 1521. Alla loro morte, un controllo dei conti pubblici rivela appropriazione indebita, François Ier impone una pesante multa ai suoi eredi costringendoli a cedergli il patrimonio, che diventa così proprietà della Corona. Il castello è abbandonato fino alla fine del suo regno.

Tre mesi dopo la morte di François Ier nel marzo 1547, suo figlio Enrico II offrì Chenonceau al suo favorito Diane de Poitiers che fecero costruire un giardino sulla riva destra del Cher, proteggere il castello dalle inondazioni da un argine di terra, costruire fossati e muri in pietra. Affidò all'architetto Philibert Delorme la costruzione di un ponte che collegasse il castello alla riva sinistra per creare nuovi giardini e l'accesso a più vasti terreni di caccia. L'opera fu completata nel 1559

Alla morte di Enrico II, Caterina de' Medici costrinse la sua rivale Diane de Poitiers a restituire Chenonceau alla Corona. Regina-madre dopo l'ascesa al trono del figlio maggiore, Francesco II, poi "governatrice di Francia" dopo la morte di quest'ultimo due anni dopo e l'ascesa al trono del figlio minore Carlo IX, decide di abbellire il suo residenza sulle rive del Cher. Sistema il parco di Francueuil, si modifica il parterre di Diana. Ha creato il suo giardino. Nasce la fontana della Roccia e il "giardino verde". Il nuovo edificio è lungo sessanta metri e largo sei. L'elevazione dell'edificio Dômes e della Cancelleria fu eseguita dal 1580 al 1585. 

Dopo la morte nel 1589 di Caterina de' Medici e l'assassinio del re Enrico III, sua moglie Luisa di Lorena riceve Chenonceau in eredità. Scioccata da questa improvvisa scomparsa, ne fece un luogo di contemplazione, diventando la "White Lady of Chenonceau". Il castello è ricoperto di motivi funerari, la sua stanza e un oratorio, al secondo piano del castello, sono dipinti di nero con una lugubre decorazione, fatta di lacrime e ossa. Questo ambiente funerario rimarrà in vigore per più di un secolo. Louise de Lorraine accoglierà dodici nasturzi in una parte del castello. Il 15 ottobre 1598 donò Chenonceau a sua nipote Françoise ea suo nipote César de Vendôme, ma ne mantenne l'usufrutto fino alla sua morte.

Continua, pagina successiva : clicca su "2" qui sotto

Lascia un commento